Tre anni di Poesia, Aracne Editrice

Tre anni, tre sillogi, tre paesaggi contaminati da fattori esistenziali di opposta natura.

“Poesie dell’ippocampo” il luogo dove dimorano i ricordi, del 2015. Tema: la memoria, le immagini che riaffiorano dal profondo labirinto della mente, mostrando virtù, delusione, gioia e odio in un confronto a volte difficile.

“Parola di uomo” l’indisciplinata consuetudine di amare la vita disprezzandone il contenuto, del 2014. Una raccolta appassionata sul discriminante rapporto conflittuale tra la l’uomo e la donna.

“Poesie di tutto l’amore”, quando la sofferenza sublima nella felicità, del 2013 già pubblicata da Aracne editrice. Un quotidiano diario in cui le esperienze più laceranti si legano per dare vita ad una graduale rinascita.

Tre anni di poesia, una controversa ed intima galleria personale di eventi collegati fra loro dal tempo, inseriti in qualche sporadico luogo che ne amplifica la suggestione. Tre anni di incontri, alcuni falliti altri maturati, facenti parte della mia contraddittoria esistenza. Molti attori, quasi una folla di anime che mi circonda ed aiuta a “sublimare” le circostanze quotidiane in allusioni, in slanci letterali, densi di allegorica fantasia.

FullSizeRender 3 (1)-1Tre anni di poesia, un autoritratto in cui i contorni del dipinto sono fedeli al mio viso, ma la visione complessiva lascia libertà di interpretazione, come la poesia nasconde intimi spazi tra i suoi versi con diverse opportunità di traduzione di concetti seppur dislessici, provocatori, trasgressivi; comunque costruttivi.

Tre anni di poesia, parole che socchiudono emozioni che provengono “dal lato sereno del cuore”, ove l’incognita è il fil rouge che lega la mia vita a tante altre vite. Il consapevole risveglio ricompensa di struggente meraviglia, regalando disperse chiavi di lettura della medesima esistenza, mentre “vivo, muoio, rinasco e mi sopravvivono i ricordi”.

Maurizio Furlani

Share : facebooktwittergoogle plus
pinterest



No Response

Leave us a comment


No comment posted yet.

Leave a Comment